Atlantide.TV: confermata la censura dell’Anomalo Bicefalo

Non posso che trascrivere il numero di questa settimana della newsletter di Dario Fo, dopo che il suo spettacolo è stato censurato.

Atlantide.TV: confermata la censura dell’Anomalo Bicefalo

Santa Cristina, 23 gennaio 2004, ore 16,30

Il signor Dell’Utri cerca una vittoria schiacciante su una piccola televisione in costruzione.
Ha iniziato querelando Atlantide Tv per aver mandato in onda lo speciale sull’Anomalo Bicefalo.
Quando uno dei grandi boiardi del nostro paese ti chiede centinaia di migliaia di euro ti fermi a pensarci un attimo. Ma noi abbiamo deciso di andare avanti perche’ non possiamo pensare di vivere
in una nazione dove non si puo’ dire che un potente e’ incriminato in un processo e perche’. Non e’ stato eroismo: non ce la siamo sentita proprio di abbassare la testa.
Poi, improvvisamente, ieri, con la pubblicita’ della trasmissione ormai partita su tutti i maggiori quotidiani italiani Multitemathiques, la multinazionale francese proprietaria del canale che ci ospita (Planet) ha assunto una posizione gravissima e secondo noi assolutamente sbagliata dal punto di vista etico: il blocco della trasmissione di “Anomalo Bicefalo”, che sarebbe dovuto andare in onda stasera alle 21 su Atlantide tv, ospitata dal canale satellitare Planet.
Una decisione che, a quanto sappiamo, ha scavalcato anche la direzione di Multithematiques Italia.
Sostanzialmente non hanno accettato il rischio di avere a che fare con gli avvocati (e i poteri) del gruppo che oggi domina l’Italia, pur non essendo loro destinatari della querela (indirizzata contro Atlantide tv). Ma facendo cosi’ Multitemathiques tradisce la missione che e’ di qualunque organo di
informazione. Speravamo di essere al sicuro dalla longa manus dei nostri potenti proprio perche’ e’ un’azienda indipendente a ospitare Atlantide Tv.
Un’azienda francese poi, gente che ha fatto la rivoluzione francese, gente che a certe strangolature della liberta’ di parola non ci sta, per tradizione e per orgoglio. Abbiamo fatto male i nostri conti. Multitemathiques ha deciso che due guitti e una tv “in costruzione” non valgono il rischio.
Di sicuro si sta scrivendo un’altra pagina vergognosa della storia della liberta’ nel nostro paese. Non la prima (la lista ormai e’ chilometrica) ma sicuramente un’ulteriore grave conferma dell’impossibilita’ di comunicare liberamente fatti essenziali della nostra vita politica e sociale al grande pubblico televisivo, l’impossibilita’ di fare satira, in una parola l’impossibilita’ ad essere liberi come la nostra Costituzione prevede.
La situazione che si e’ creata e’ veramente grottesca e va analizzata con calma. Sicuramente si tratta di una ferita per una piccola impresa come Atlantide Tv, arrivata fino ad oggi con grandi sforzi a trasmettere piu’ di 80 puntate di inchieste, controinformazione, cultura e satira, ospitando la maggioranza dei grandi censurati italiani (Luttazzi, Santoro, Travaglio, Guzzanti, Paolo Rossi…) e molti censurati meno noti.
L’elemento per ora essenziale, non solo per Atlantide Tv ma nell’interesse della collettivita’, e’ che questo episodio di censura non passi sotto silenzio. Speriamo che sempre piu’ persone si rendano conto di quello che sta succedendo nel nostro paese e si inizi a discutere concretamente su come si
possa far nascere una tv LIBERA in Italia.
Per quanto ci riguarda continueremo a impegnarci per sviluppare lo spazio che stiamo costruendo e a essere disponibili, come sempre, a collaborare con tutte le iniziative fattive che vadano in questa direzione. Da stamane stiamo ricevendo e-mail e telefonate al ritmo di 15 al minuto. Anche da
questo, della grande solidarieta’ che in questo momento ci circonda, ci
sentiamo caricati e responsabilizzati ad andare avanti.

ATLANTIDE TV
www.atlantide.tv

Programma della settimana dal 26 Gennaio al 1 Febbraio 2004

Atlantide.tv vi offre anche questa settimana una valida alternativa alla televisione generalista.
Tutti i giorni alle ore 19,00 sul canale satellitare Planet ed in replica all’1,00 alle 4,30 e alle 14,00 del giorno successivo.

Lunedi’ 26 A testa in giu’
URIHI: “Donne del mediterraneo” (documentario di Giovanna Cossia e Marco De Poli)

Martedi’ 27 Tutti in scena
Franca Rame in “Tutta casa ,letto e chiesa” (1. parte)

Mercoledi’ 28 Tutti in scena
Franca Rame in “Tutta casa, letto e chiesa” (2. parte)

Giovedi’ 29 Impara l’arte
Intervista a Tanino Liberatore

Venerdi’ 30 I corti
Cortometraggi da Teatri Uniti

Sabato 31 La via pigra al benessere
Lezioni di yoga demenziale di Jacopo Fo

Domenica 1 Antologia della settimana
Il meglio di Atlantide.tv

…. E, tutti i giorni: - Pillole di benessere
(esercizi Tai-Chi, giocoleria, yoga demenziale …)

L’alba in differita
( la visione estatica dell’alba anche per chi si e’ alzato tardi)

Venerdi’ 30 Gennaio
Per la serie “I corti”
Cortometraggi da Teatri Uniti

Questa settimana Atlantide.tv inizia una collaborazione con Teatri Uniti trasmettendo Venerdi’ 30 Gennaio i cortometraggi “Sciaberno’”, “Fine” e “L’ultimo rimasto in piedi”.
“Sciaberno’”, per la regia di Francesco Saponaro e’ stato prodotto dall’”Onorevole teatro casertano” come una sorta di documentario per la riapertura del teatro Garibaldi di Santa Maria Capoavetere avvenuta, dopo 20 anni, nel settembre del 2000.
La storia semplice e suggestiva racconta, senza nascondere un velo di malinconia, di un contadino che tornando nel teatro dove passava i suoi pomeriggi di bambino, ricorda il tentativo del mago Sciaberno’ di ipnotizzarlo.
Scritto, diretto e prodotto da Adriano Chiarelli e’ “Fine”, la storia semplice di un ragazzo immerso nei propri pensieri, mentre attraversa vari luoghi di una citta’.
Il terzo corto scelto per la messa in onda della serata e’ “L’ultimo rimasto in piedi” di Ugo Capolupo, prodotto da Indigo Film .
Scenario della storia e’ l’Italsider di Bagnoli in fase di smantellamento dove, in risposta alla cancellazione della memoria, un ex dipendente porta nella sua casa pezzi di archeologia industriale per costruire una sorta di museo, nel tentativo, forse inconscio, di rimettere in piedi una parte della sua vita.

Martedi’ 27 e Mercoledi’ 28 Gennaio
Per la serie “Tutti in scena”
Franca Rame in : “Tutta casa, letto e chiesa”

Il teatro in televisione e’ diventato una vera rarita’ e su Atlantide.tv e’ possibile ripercorrere alcune delle tappe del teatro italiano, specchio dell’epoca in cui e’ stato scritto e rappresentato.
E’ questo il caso di “Tutta casa, letto e chiesa” , raccolta di cinque monologhi scritti da Dario Fo per Franca Rame sulla condizione di diversi tipi di donna e rappresentato la prima volta nel 1977.
Proprio dalla messa in scena di quell’epoca sono tratti i due monologhi che Atlantide.tv trasmettera’ martedi’ 27 e mercoledi’ 28 Gennaio.
Il primo, dal titolo “Una donna sola”, tratta dello sfogo di una casalinga con una vicina di casa, alla quale racconta la sua giornata che si svolge tra le mura di una casa tra bambini che piangono, un marito che pretende malamente l’atto sessuale, un cognato che passa le giornate allungando le mani sulla donna, un maniaco che telefona in continuazione, un guardone del piano di sopra e un ragazzo innamorato che e’ stato l’unico vero affetto della donna.
Ma la violenza psicologica infertale dal marito, le fa considerare la sua “una vita normale” dove l’unica preoccupazione dichiarata a se’ e agli altri e’ la paura dello scandalo.
Il secondo pezzo e’ “Abbiamo tutte la stessa storia” e racconta il tema della gravidanza e dell’aborto da un punto di vista femminile.
Come nella migliore tradizione della coppia Fo - Rame, tutti gli argomenti, anche i piu’ drammatici, vengono trattati con puntuale e particolare ironia.

Leave a Reply