In Italia diventa reale il Grande Fratello

Dicembre 28th, 2003

Il 23 Dicembre scorso il governo ha varato un decreto che obbliga i fornitori di servizi telefonici e di connessione ad internet a conservare i dati del traffico degli utenti per un periodo non inferiore a 5 anni. Il controllo di email, sms, telefonate, traffico web generato dagli utenti diventerà molto più facile, aiutando le indagini su reati di criminalità organizzata ed eversione.

Se questo è un bene, dall’altro il rischio di venire controllati diventa reale: conoscendo le comunicazioni degli individui, si possono facilmente scoprire abitudini di consumo, credo politico, stato di salute, e tutto quello che dovrebbe rimanere sfera privata del cittadino.

Il senatore Fiorello Cortiana dei Verdi denuncia la violazione dell’articolo 15 della Costituzione, che recita:

La libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione sono inviolabili.

La loro limitazione può avvenire soltanto per atto motivato dell’autorità giudiziaria [cfr. art. 111 c. 1] con le garanzie stabilite dalla

Dvd Jon Ú stato assolto anche in appello

Dicembre 27th, 2003

L’inventore del deCSS, il codice che permette di visualizzare i DVD anche su Linux, è stato assolto anche nel processo di appello. La notizia è importante, perché di fatto stabilisce con fermezza il diritto all’utilizzo del materiale che viene acquistato. I DVD che Jon voleva vedere erano di sua proprietà.

Le multinazionali dell’entertainment vogliono introdurre la novità secondo la quale esistano utilizzi corretti di una proprietà, ed utilizzi scorretti, da punire penalmente. Questa sentenza ripristina il valore del diritto al “fair use”, all’utilizzo giusto e sensato delle proprie proprietà.

Il mate: un’alternativa al caffÚ

Dicembre 26th, 2003

Il mate è un infuso di erba ottimo e poco conosciuto in Italia. Si produce dalle foglie dello “Yerba Mate”, una pianta (Ilex paraguaiensis) che nasce in Brasile, Argentina, Uruguay e Paraguay. Gli indios Guarani’ furono i primi a farci conoscere il mate (quelli del bellissimo ed eloquente “Mission” di Roland Joffé, palma d’oro a Cannes), oggi è diffusissima nel Sud America; a me è stata fatta assaggiare da Carolina, mia cugina di Cordoba (Argentina), prima di allora sapevo solo che Ernesto Guevara lo beveva per alleviare il suo asma (un altro Argentino, di Rosario però). Studi condotti da importanti Istituti come il Pasteur di Parigi dimostrano che l’infuso del mate contiene praticamente tutte le vitamine necessarie al sostentamento umano, è un disintossicante metabolico, un potente antiossidante grazie all’azione di ben 11 polifenoli, previene l’invecchiamento delle cellule, antidepressivo, energizzante e tonico naturale. Grazie

Mezzo mega di auguri

Dicembre 23rd, 2003

Mi sono appena arrivati gli auguri di Natale dalla newsletter dell’Italia dei Valori, il partito di Antonio Di Pietro. Mi ero iscritto alla newsletter ai tempi della raccolta di firme per il referendum abrogativo contro la legge salva-Berlusconi.

Oggi mi sono arrivati gli auguri, ed è proprio il caso di dire “Tanti Auguri”.

Mezzo megabyte di auguri, per la precisione, che per un cittadino che non sia fornito di una linea ADSL (per fortuna io non rientro in questa categoria), significa un sacco di tempo per scaricare la posta.

Apro il file, un’orrenda presentazione di PowerPoint (inizio veramente a credere che il suo utilizzo renda stupidi), di ben due pagine.

Di certo non mi resta altro che seguire il consiglio contenuto nel resto dell’email: Per cancellarsi da questa newsletter :www.antoniodipietro.it/newsletter_delete.php

A buon rendere.

Salva Rete 4

Dicembre 23rd, 2003

Silvio Berlusconi ha firmato un decreto legge che salva una sua rete televisiva, che dovrebbe sospendere la chiusura almeno fino all’approvazione della legge Gasparri.

Luci senza emozioni

Dicembre 23rd, 2003

Quest’anno il gesso mi ha bloccato in casa, costringendomi a vedere il “fuori” un pò per volta. Non so se sono io che sono cambiato, ma quest’anno le luci di Natale sono particolarmente prive di emozioni.

Luci numerosissime, luci fittissime, luci inesistenti, luci appese per obbligo, verso familiari o clienti.

Luci poco emozionanti, d’altra parte troppo inflazionate per stupire veramente gli occhi.

Così come il finto perbenismo, di chi invia auguri spesso forzati, di chi scrive auguri di un mondo migliore, bestemmiando e smoccolando imprecazioni prima e dopo la composizione della frase senza un attimo di pausa in mezzo, anche le luci più banali finiscono per farmi provare un’emozione opposta a quella voluta.

Se le lucciole d’estate non fossero così piccole e così intermittenti, fuggenti e spesso inaspettate, sarebbero così emozionanti?

Un futuro molto roseo

Dicembre 19th, 2003

Dobbiamo aspettarci un paio di ottime leggi: cambiamento delle regole sulla par condicio in campagna elettorale ed il decreto per salvare la televisione abusiva Rete 4.

In questi giorni Rete 4 è stata messa sullo stesso piano di Rai 3, senza specificare le differenze dei problemi delle due reti (una sta occupando abusivamente frequenze già vendute ad altri da anni, contro la decisione della corte di cassazione, mentre Rai 3 non potrebbe ospitare spazi pubblicitari).

Si è anche cercato di utilizzare la leva dei mille posti di lavoro che andrebbero persi. Mi dispiace per i dipendenti di Rete 4, ma gli abusivi vanno trattati con le stesse regole, sia che lavorino per strada che su una frequenza televisiva occupata illegalmente.

Gasparri, Ciampi rinvia la legge alle Camere

Dicembre 15th, 2003

Da www.repubblica.it ecco una buona notizia: Ciampi non ha firmato la legge Gasparri sulla riforma dei mezzi di comunicazione.

Ora basta censura, integrale in formato mp3

Dicembre 15th, 2003

Sul sito di Articolo 21 liberi di, si trovano tutti gli interventi della serata di ieri. Da Gino Strada a Massimo Fini, da Michele Santoro a Giulietto Chiesa. Buon ascolto.

Ora basta censura! Domenica si replica

Dicembre 12th, 2003

Nuova iniziativa promossa da inMovimento, insieme a tante altre sigle, per protestare contro la censura e la chiusura di Raiot. L’evento è a Milano domenica 14 dalle 20,30. Diretta TV su Emi.Li. (canale 855 di Sky).

Tante città hanno aderito all’idea “ORA BASTA”, con megaschermi in teatri, cinema e case del popolo che trasmetteranno la manifestazione di protesta riprendendo la nostra diretta satellitare; ma tante altre si stanno prenotando al sito www.igirotondi.it . Con la partecipazione di Sabina Guzzanti, Marco Travaglio, Michele Santoro, Francesco Di Stefano, Furio Colombo, Giulietto Chiesa, Pancho Pardi, Massimo Fini, Paolo Serventi Longhi, Peter Gomez, Nando Dalla Chiesa, Tom Benettollo, Ferruccio Iaccarino e tantissimi altri; con i contributi di Dario Fo e Franca Rame, Moni Ovadia, Daniele Luttazzi, Carlo Lucarelli… Una grande manifestazione estesa a tutta l’Europa per denunciare e gridare forte il nostro “ORA BASTA” a qualsiasi tipo di censura, soprattutto adesso che abbiamo

3a Conferenza Oekonux - Call for Papers

Dicembre 10th, 2003

Il 20-23 Maggio 2004, presso il Dipartimento di Filosofia dell’Università di Vienna, si terrà la terza conferenza del progetto Oekonux, e nella mailing list copywhat è passata il call for paper.

Il progetto Oekonux, ed il progetto correlato OpenTheory, nascono dall’idea di espandere i concetti e le modalità di sviluppo economico che stanno alla base del software libero.

Dal call for papers, disponibile nell’archivio della mailing list copywhat (italiana): Uno dei punti fondamentali della discussione è rappresentato dalla domanda se i principi dello sviluppo e della diffusione del software libero (fondamentalmente la libertà di scambio, l’essere auto-organizzato, la partecipazione comune e senza vincoli alla produzione di conoscenza) possano costituire il fondamento e il principio

Venerdi’ sciopero!

Dicembre 10th, 2003

Tutte le attività sono permesse, eccetto guardare la TV. Un po’ di disintossicazione non fa male. I particolari qui.

Licenze libere per i corsi ForTIC: una petizione riaccende il dibattito

Dicembre 9th, 2003

Su www.sophia.it è apparso un bell’articolo con una mia intervista, che parla della nostra petizione e delle motivazioni che hanno portato a questa richiesta.

Intanto le firme aumentano: vi invito a diffondere ulteriormente l’iniziativa, alla quale presto si affiancherà la creazione di un portale per la condivisione di materiale relativi a corsi e seminari rilasciato con licenze libere.

Le bottiglie avvelenate

Dicembre 8th, 2003

In questi giorni si parla tanto delle bottiglie avvelenate con siringa e detersivo. Fatto sta, che appena ho sentito la notizia al telegiornale, ho pensato immediatamente che qualcuno avrebbe emulato il cretino. E’ semplice: tutte le volte che c’è una notizia di cronaca che abbia queste caratteristiche:

  • vandalismo
  • demenzialità
  • danni a persone
  • facile reperibilità dei materiali necessari

ecco che spunta la moda di emulare il primo. Questo mi ha fatto pensare, in questo weekend, ad un paio di cose.

Primo: è necessario acquistare acqua minerale in bottiglia? Ci sono tante controindicazioni, tra le quali l’inquinamento per il trasporto, l’insicurezza derivante dai residui del contenitore (che deve stare al buio, ma non sempre questa regola viene rispettata) e non ultimo la spesa. L’acqua dal rubinetto è più sana, perché ci sono controlli più stretti, e costa meno. Magari assieme ad un sistema per la purificazione, se necessario, è la soluzione.

Secondo: l’informazione è sempre una buona

jabrss: Ricevere le notizie preferite via jabber

Dicembre 3rd, 2003

Molte persone usano programmi di instant messaging, quali icq, jabber, yahoo, msn, etc. Jabber è un protocollo basato su xml che permette di essere connesso anche a tutte queste reti, oltre alla rete jabber. Esistono ormai decine di client jabber per ogni sistema operativo, cosa che mi fa pensare che questo sia finalmente un prodotto finale. L’altro giorno ho pensato che sarebbe stato carino ricevere gli aggiornamenti dei siti di notizie e dei blog che mi interessavano direttamente tramite messaggi su jabber, visto che:

  • ce l’ho sempre aperto
  • ha già tutto quello che serve negli feed reader

Ed ho pensato: sarebbe carino scrivere un plugin che mi connetta ai miei feed preferiti. Poi ho pensato che magari qualcuno lo aveva fatto prima di me, e con una ricerca ho trovato questo: http://cmeerw.org/dev/book/view/7

In pratica è un codice che si può installare su un server, ed è comodissimo. Basta inserire nei propri contatti jabrss@jabber.at, e scrivergli

Appello contro la legge Gasparri

Dicembre 3rd, 2003

La legge Gasparri è stata approvata. Subito è nato un appello rivolto al presidente Ciampi, che riconosca l’incostituzionalità della legge e rifiuti di firmarla.

Aggiornamenti Scuola OnLine

Dicembre 3rd, 2003

Il progetto Scuola OnLine procede. Come era ipotizzabile, il passo successivo è la scelta della licenza d’uso da utilizzare. Secondo me si sta compiendo l’errore di impedire l’utilizzo commerciale: se in futuro si vorrà pubblicare il materiale, e venderlo ad un costo solo lievemente superiore a quello delle spese di produzione, questo sarà impedito dalla scelta di una licenza non-commerciale. Quello che vuole essere, di primo impatto, un vantaggio all’abbassamento del costo, può rivelarsi un problema. Certamente i testi scolastici non verranno nel futuro prossimo consultati via pc, quindi l’utante-studente|professore sarà comunque costretto a stamparli, spendendo magari di più di quello che potrebbe ottenere tramite tipografia, a volumi di stampa più elevati.

Se siete d’accordo con me, lasciate un messaggio scrivendo sul forum oppure all’indirizzo scuolaonline@supereva.it

E’ in linea l’ottavo aggiornamento del sito di Scuola OnLine. Ecco le novità:

  • Italiano per le scuole medie: pubblicato il progetto di una antologia curato

Nuova edizione di Report

Dicembre 2nd, 2003

I produttori di Report stanno realizzando una nuova serie e stanno cercando testimonianze riguardanti i ritardi dei processi. Ecco la richiesta di aiuto:

Gentili telespettatori, Report sta realizzando per la prossima edizione del programma in onda a partire da fine febbraio, un’inchiesta sul perché in Italia i processi sia penali che civili durano così tanto. Esclusi gliaspetti di procedura, siamo alla ricerca di testimonianze che ciraccontino come ad esempio notifiche consegnate male o addirittura non consegnate possano rallentare un processo, così come la carenza di personale nei tribunali può causare slittamenti, oppure l’assenza di chi deve trascrivere o registrare un processo può rinviare la sentenza di 6 mesi o addirittura di un anno; anche la mancanza della carta per fotocopiare gli atti può essere motivo di rinvii di udienze e dunque ritardo, così come il crollo del palazzo dove si conservano gli atti di un processo; oppure testimonianze di chi,

Raccolte 100 firme per la documentazione libera del ForTIC

Dicembre 2nd, 2003

Come potete vedere nella pagina che mostra le firme della petizione partita ieri con un post di questo blog, la nostra petizione ha raggiunto in fretta le 100 firme. Spero che crescano esponenzialmente, ma è già un buon risultato per un giorno solo dalla pubblicazione.

Libera la documentazione dei corsi ForTIC

Dicembre 1st, 2003

Ho pubblicato la petizione per la richiesta del rilascio della documentazione dei corsi ForTIC sotto licenze libere: http://www.petitiononline.com/fortic/petition.html

Vi prego di firmarla e di fare firmare a tutte le persone che conoscete, il risultato è relativamente facile da ottenere, ma di grande importanza.

Eccone il testo: To: Al Signor Ministro del MIUR, al Signor Ministro della Innovazione e delle Tecnologie Italiani

Oggetto: Rilasciare la documentazione dei corsi ForTIC sotto licenza libera

Egregio Signor Ministro, Come certamente saprà, nel 2003 sono stati effettuati i corsi di formazione informatica per i docenti delle scuole superiori, denominati ForTIC, sostenuti finanziariamente con la vendita delle licenze per l’UMTS.

I tutor di questi corsi avevano ed hanno a disposizione del materiale commissionato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Il materiale dei corsi di livello C1 e C2, ad esempio, sono disponibili qui: http://puntoeduft.indire.it/materialic/

Quello che i firmatari di questa petizione intendono chiederLe con la presente è il rilascio di questi materiali di