Il fiore del cactus Spazio per Pensieri, Ecologia, Informatica, Politica, ed altro ancora curato da Alessandro Ronchi 2004-12-09T12:32:03Z Copyright 2004 WordPress Alessandro Ronchi Sciopero della televisione /blog?p=456 2004-12-09T12:32:03Z 2004-12-09T12:31:18Z Media Società E’ molto interessante l’idea promossa dagli organizzatori: spegnere la tv ed uscire con il telecomando permetterà di usufruire di sconti e biglietti gratuiti in Cinema, Musei, Teatri, etc. L’11 ed il 12 sarò a sciare, quindi parteciperò allo sciopero della tv, ma voi non fatevi sfuggire l’occasione. Per saperne di più: http://www.esterni.org/esterni/ http://www.codacons.it/articolo.asp?id=21065 http://www.google.it/search?hl=it&q=Spegni+la+TV+e+vivi+la+citta&btnG=Cerca+con+Google&meta=lr%3Dlang_it E’ molto interessante l’idea promossa dagli organizzatori: spegnere la tv ed uscire con il telecomando permetterà di usufruire di sconti e biglietti gratuiti in Cinema, Musei, Teatri, etc. L’11 ed il 12 sarò a sciare, quindi parteciperò allo sciopero della tv, ma voi non fatevi sfuggire l’occasione. Per saperne di più:
http://www.esterni.org/esterni/
http://www.codacons.it/articolo.asp?id=21065
http://www.google.it/search?hl=it&q=Spegni+la+TV+e+vivi+la+citta&btnG=Cerca+con+Google&meta=lr%3Dlang_it

]]>
Alessandro Ronchi Brevetti Software, per ora l’UE dice no. /blog?p=455 2004-12-09T00:49:18Z 2004-12-09T00:47:19Z Software Libero Informatica Politica Una buona notizia, che non sto a ricopiare: Brevetti sul Software, per ora l’UE dice no. Sperem! Una buona notizia, che non sto a ricopiare:
Brevetti sul Software, per ora l’UE dice no.
Sperem!

]]>
Alessandro Ronchi State attenti /blog?p=454 2004-12-06T17:07:40Z 2004-12-06T17:07:40Z Informatica Di solito quando accadono questi improvvisi rallentamenti della rete, sta per uscire un nuovo worm, oppure è già all’opera. Di solito quando accadono questi improvvisi rallentamenti della rete, sta per uscire un nuovo worm, oppure è già all’opera.

]]>
Alessandro Ronchi Arriva il latte artificiale a prezzi europei /blog?p=453 2004-12-03T10:11:24Z 2004-12-04T06:11:13Z Risparmio Un buona notizia, che non ha bisogno di troppi commenti: Arriverà sul mercato all’inizio di dicembre il latte in polvere per la prima infanzia a marchio Coop e a prezzo ‘europeo’. Le prime due confezioni denominate ‘Crescendo Coop’ costeranno 9 euro ciascuna, in linea con i prezzi del resto d’Europa e meno di un quarto rispetto ai prezzi dei prodotti venduti attualmente nelle farmacie italiane e un terzo rispetto a quelli della grande distribuzione. Un buona notizia, che non ha bisogno di troppi commenti:

Arriverà sul mercato all’inizio di dicembre il latte in polvere per la prima infanzia a marchio Coop e a prezzo ‘europeo’. Le prime due confezioni denominate ‘Crescendo Coop’ costeranno 9 euro ciascuna, in linea con i prezzi del resto d’Europa e meno di un quarto rispetto ai prezzi dei prodotti venduti attualmente nelle farmacie italiane e un terzo rispetto a quelli della grande distribuzione.

]]>
Alessandro Ronchi A volte mi chiedo se ha senso…. /blog?p=452 2004-12-03T00:52:22Z 2004-12-03T00:52:22Z General Con shinystat è possibile vedere quali sono i termini ricercati da chi viene in queste pagine, mese per mese. Sono sempre molto interessanti, per tastare il polso degli utenti che mi seguono. Questi sono i dati dei primi 2 giorni di Dicembre, a seguire i commenti: donne nude 11 5,82% erba mate 5 2,65% auto ibride 3 1,59% barry white 3 1,59% citizen berlusconi 2 1,06% wipedia 2 1,06% “accordo di kyoto” 1 0,53% “angels in america” recensione 1 0,53% “barry white” morto 1 0,53% “comunicazione aperta e innovazione” 1 0,53% Qualche considerazione: che cosa ci trova qui chi cerca le donne nude? Magari dovrei mettere un culetto, per non deluderli. Natale è sempre Natale, se si può far qualcosa… L’erba mate è un argomento che non ho pubblicato io, ma Simone (che ringrazio, è sempre ai primi posti). Segue a ruota chi cerca la prova che Barry White è davvero morto, e non sia per caso sotto qualche bunker per nascondersi dalla sua fama… Poi c’è chi ha sbagliato ed ha cercato wipedia (errore mio, avevo sbagliato titolo in un post, che grazie a queste persone ho corretto in Wikipedia). Insomma, questi dati sono relativi a solo 2 giorni, quindi non hanno molto senso, ma sono parecchio divertenti. Spero che sia un caso, non mi piacerebbe scrivere solo per questo… Con shinystat è possibile vedere quali sono i termini ricercati da chi viene in queste pagine, mese per mese. Sono sempre molto interessanti, per tastare il polso degli utenti che mi seguono.

Questi sono i dati dei primi 2 giorni di Dicembre, a seguire i commenti:

donne nude 11 5,82%
erba mate 5 2,65%
auto ibride 3 1,59%
barry white 3 1,59%
citizen berlusconi 2 1,06%
wipedia 2 1,06%
“accordo di kyoto” 1 0,53%
“angels in america” recensione 1 0,53%
“barry white” morto 1 0,53%
“comunicazione aperta e innovazione” 1 0,53%

Qualche considerazione: che cosa ci trova qui chi cerca le donne nude? Magari dovrei mettere un culetto, per non deluderli. Natale è sempre Natale, se si può far qualcosa… :)
L’erba mate è un argomento che non ho pubblicato io, ma Simone (che ringrazio, è sempre ai primi posti). Segue a ruota chi cerca la prova che Barry White è davvero morto, e non sia per caso sotto qualche bunker per nascondersi dalla sua fama…
Poi c’è chi ha sbagliato ed ha cercato wipedia (errore mio, avevo sbagliato titolo in un post, che grazie a queste persone ho corretto in Wikipedia).

Insomma, questi dati sono relativi a solo 2 giorni, quindi non hanno molto senso, ma sono parecchio divertenti. Spero che sia un caso, non mi piacerebbe scrivere solo per questo…

]]>
Alessandro Ronchi Luca Armani cede a titolo gratuito il nome a dominio a Giorgio /blog?p=451 2004-12-01T00:19:54Z 2004-12-01T00:19:54Z Informatica Diritti Società Ricordate la vicenda giudiziaria che vedeva il cittadino Luca Armani contro l’SPA Giorgio Armani, accusato di aver utilizzato il nome “armani” per il suo dominio? Su questa storia si era discusso ampiamente, anche qui, perché metteva in gioco i diritti personali e professionali dei piccoli imprenditori contro le grosse multinazionali: Giorgio Armani si voleva appropriare di uno spazio non suo e legittimamente acquisito da altri, denunciando il suo omonimo Luca. Ebbene, Giorgio ha ottenuto quello che voleva (potevamo scommettere il contrario?) : La vicenda giudiziaria che vede contrapposti il piccolo imprenditore di Treviglio (Bg) Luca Armani contro Giorgio Armani SpA per la titolarità del nome a dominio “armani.it” non è ancora chiusa. Tuttavia Luca Armani, in forza di una valutazione del tutto personale e meditata nel tempo, ha “tecnicamente” rinunciato agli atti del giudizio presso la Corte d’Appello di Brescia, notificando tale volontà alla controparte. Ha quindi ceduto a titolo gratuito il nome a dominio alla Giorgio Armani SpA. Ricordate la vicenda giudiziaria che vedeva il cittadino Luca Armani contro l’SPA Giorgio Armani, accusato di aver utilizzato il nome “armani” per il suo dominio? Su questa storia si era discusso ampiamente, anche qui, perché metteva in gioco i diritti personali e professionali dei piccoli imprenditori contro le grosse multinazionali: Giorgio Armani si voleva appropriare di uno spazio non suo e legittimamente acquisito da altri, denunciando il suo omonimo Luca.

Ebbene, Giorgio ha ottenuto quello che voleva (potevamo scommettere il contrario?) :

La vicenda giudiziaria che vede contrapposti il piccolo imprenditore di Treviglio (Bg) Luca Armani contro Giorgio Armani SpA per la titolarità del nome a dominio “armani.it” non è ancora chiusa. Tuttavia Luca Armani, in forza di una valutazione del tutto personale e meditata nel tempo, ha
“tecnicamente” rinunciato agli atti del giudizio presso la Corte d’Appello di Brescia, notificando tale volontà alla controparte. Ha quindi ceduto a titolo gratuito il nome a dominio alla Giorgio Armani SpA.

]]>
Alessandro Ronchi Apropos: Comunicazione Aperta e Innovazione /blog?p=450 2004-11-29T12:27:45Z 2004-11-29T12:25:05Z Software Libero Informatica Venerdi 10 dicembre - Sala dalle Fabbriche c/o Credito Cooperativo, via Laghi 81, Faenza (RA), organizzato da: Comunicazione Aperta e Innovazione: Le potenzialità dell’Open Source e delle tecnologie libere per un territorio competitivo L’economia è in una fase di stasi su tutti i piani: da quello globale a quello locale. È possibile cercarne una evoluzione creativa a partire dalla specificità del nostro territorio locale incrociandola con un’esperienza come quella del software Open Source? L’obiettivo di questo convegno è analizzare le potenzialità ed i metodi che implichino la massimizzazione del capitale umano presente sul territorio impiegando modalità che possano consentire lo scongelamento delle risorse finanziarie pure presenti. Un convegno che vuole anche essere un momento di incontro fra generazioni: fra coloro che hanno prodotto un territorio ed un economia ricchi e coloro che sono portatori di un altro modello di sviluppo legato alle tecnologie libere ed alla diffusione della conoscenza. È’ un percorso possibile per l’economia dei distretti e delle piccole e medie imprese? È questa la domanda che cerchiamo di affrontare con questa proposta. Venerdi 10 dicembre - Sala dalle Fabbriche c/o Credito Cooperativo, via Laghi 81, Faenza (RA), organizzato da:
Apropos

Comunicazione Aperta e Innovazione:
Le potenzialità dell’Open Source e delle tecnologie libere per un territorio competitivo
L’economia è in una fase di stasi su tutti i piani: da quello globale a quello locale. È possibile cercarne una evoluzione creativa a partire dalla specificità del nostro territorio locale incrociandola con un’esperienza come quella del software Open Source?
L’obiettivo di questo convegno è analizzare le potenzialità ed i metodi che implichino la massimizzazione del capitale umano presente sul territorio impiegando modalità che possano consentire lo scongelamento delle risorse finanziarie pure presenti. Un convegno che vuole anche essere un momento di incontro fra generazioni: fra coloro che hanno prodotto un territorio ed un economia ricchi e coloro che sono portatori di un altro modello di sviluppo legato alle tecnologie libere ed alla diffusione della conoscenza.
È’ un percorso possibile per l’economia dei distretti e delle piccole e medie imprese? È questa la domanda che cerchiamo di affrontare con questa proposta.

]]>
Alessandro Ronchi Angels in America finalmente in Italia /blog?p=449 2004-11-29T11:53:18Z 2004-11-29T11:53:18Z Media Dal 1° Dicembre su LA 7 andrà in onda la celebre miniserie derivata da un’opera teatrale andata in scena a Broadway nel 1993. Questa serie tratta di amore (anche omosessuale), di AIDS , di famiglia, del significato che noi diamo alla morte, e negli Stati Uniti ha avuto un incredibile successo, grazie anche ad un cast eccezionale. Per una recensione più dettagliata: http://www.televisione.it/articoli/2004/02/05/499165.php Dal 1° Dicembre su LA 7 andrà in onda la celebre miniserie derivata da un’opera teatrale andata in scena a Broadway nel 1993.
Questa serie tratta di amore (anche omosessuale), di AIDS , di famiglia, del significato che noi diamo alla morte, e negli Stati Uniti ha avuto un incredibile successo, grazie anche ad un cast eccezionale.
Per una recensione più dettagliata:
http://www.televisione.it/articoli/2004/02/05/499165.php

]]>
Alessandro Ronchi Basta con il TG5 /blog?p=448 2004-11-26T01:50:18Z 2004-11-26T01:50:18Z Politica Pensieri Media Questo post di Mantellini mi ha fatto riflettere su quanto sia difficile cambiare abitudine. In casa mia il TG5 era un classico della cena, ed adesso è difficile modificare l’automatismo del cambio di canale di quella fascia oraria. Chi ha sostituito Mentana, ha ottenuto due successi. Il primo è rappresentato dalla chiusura di uno spazio di informazione che era abbastanza equilibrato in un momento in cui era importante essere parziali. In secondo luogo, fatto ancora più importante, ha ottenuto la possibilità di comunicare informazioni parziali ad un pubblico che non guardava già il TG4 o Studio Aperto, e che quindi rappresenta un target importante ed un un netto incremento numerico dei destinatari del messaggio. Questo post di Mantellini mi ha fatto riflettere su quanto sia difficile cambiare abitudine.

In casa mia il TG5 era un classico della cena, ed adesso è difficile modificare l’automatismo del cambio di canale di quella fascia oraria.

Chi ha sostituito Mentana, ha ottenuto due successi.

Il primo è rappresentato dalla chiusura di uno spazio di informazione che era abbastanza equilibrato in un momento in cui era importante essere parziali.

In secondo luogo, fatto ancora più importante, ha ottenuto la possibilità di comunicare informazioni parziali ad un pubblico che non guardava già il TG4 o Studio Aperto, e che quindi rappresenta un target importante ed un un netto incremento numerico dei destinatari del messaggio.

]]>
Alessandro Ronchi BBC NEWS | Technology | New browser wins over net surfers /blog?p=447 2004-11-25T12:59:49Z 2004-11-25T12:59:49Z Informatica BBC NEWS | Technology | New browser wins over net surfers Ok, Internet Explorer per il 5% della percentuale di utilizzo dei browser, ma la cifra è ancora bassa: bisogna che scenda almeno sotto l’80% perché i programmatori web ricomincino a pensare di scrivere pagine e siti standard. Quindi continuate a diffondere Firefox nei pc degli amici e pubblicizzatene l’utilizzo: da una lato aiutate loro, dall’altro sfruttate l’occasione per ristabilire un equilibrio nel mercato delle interfacce per il web (che in futuro potrebbero/dovrebbero occupare ancora più usi di quelli attuali). BBC NEWS | Technology | New browser wins over net surfers

Ok, Internet Explorer per il 5% della percentuale di utilizzo dei browser, ma la cifra è ancora bassa: bisogna che scenda almeno sotto l’80% perché i programmatori web ricomincino a pensare di scrivere pagine e siti standard.
Quindi continuate a diffondere Firefox nei pc degli amici e pubblicizzatene l’utilizzo: da una lato aiutate loro, dall’altro sfruttate l’occasione per ristabilire un equilibrio nel mercato delle interfacce per il web (che in futuro potrebbero/dovrebbero occupare ancora più usi di quelli attuali).

]]>
Alessandro Ronchi Greenpeace: Alcune aziende hanno annunciato l’eliminazione dei composti pericolosi /blog?p=446 2004-11-25T12:14:54Z 2004-11-25T12:14:54Z Ecologia Roma, 23 Novembre 2004 – Alcuni grandi produttori hanno deciso di eliminare i composti tossici dai loro prodotti, dalle scarpe sportive ai giocattoli, dai cellulari ai prodotti per la cura del corpo. “È la dimostrazione che esistono alternative più sicure a numerosi composti tossici che invece continuano ad essere ampiamente usati, nonostante la loro capacità di bioaccumulo: attraverso una serie di analisi li abbiamo trovati nell’acqua piovana, nella polvere domestica e perfino nei beni di consumo” afferma Vittoria Polidori, responsabile campagna Inquinamento di Greenpeace.

Roma, 23 Novembre 2004 – Alcuni grandi produttori hanno deciso di eliminare i composti tossici dai loro prodotti, dalle scarpe sportive ai giocattoli, dai cellulari ai prodotti per la cura del corpo. “È la dimostrazione che esistono alternative più sicure a numerosi composti tossici che invece continuano ad essere ampiamente usati, nonostante la loro capacità di bioaccumulo: attraverso una serie di analisi li abbiamo trovati nell’acqua piovana, nella polvere domestica e perfino nei beni di consumo” afferma Vittoria Polidori, responsabile campagna Inquinamento di Greenpeace.

]]>
Alessandro Ronchi Buonanorma /blog?p=445 2004-11-19T12:33:19Z 2004-11-19T12:31:55Z Sviluppo sostenibile Pochi giorni fa ho creato il mio quarto blog tematico: buonanorma. Si tratta di un esperimento per raccogliere frasi di massimo 5 righe contenenti un messaggio ecologico. L’inserimento delle frasi sarà il più libero possibile, e chiunque mi faccia richiesta avrà un account che gli permetterà di scrivere nuovi messaggi. La pubblicazione delle buonenorme avverrà in duplice forma: da un lato rimarrà aperto il blog, dall’altro sarà possibile includere nelle proprie pagine una frase presa a caso dal database: buonanorma random. Se avete una pagina scritta in php, quindi, vi basterà includere questo testo dove volete che appaia la frase (che cambierà ad ogni reload): Buonanorma: Mentre per quanto riguarda la formattazione, avete a disposizione due classi css che potete modellare a vostro piacimento. Io, ad esempio, ho aggiunto questo codice al mio foglio di stile css: /* Buonanorma */ .bn { color: #728d49; padding 5px; border: #ffffff dotted 2px; } .bn_title { font-weight: bold; } /* End Buonanorma */ Già due pagine includono le frasi: http://www.viviforli.it /forli Mi piacerebbe sia ricevere i vostri contributi al database delle frasi, sia sapere che queste verranno inserite in altre pagine ancora. Pochi giorni fa ho creato il mio quarto blog tematico: buonanorma. Si tratta di un esperimento per raccogliere frasi di massimo 5 righe contenenti un messaggio ecologico.
L’inserimento delle frasi sarà il più libero possibile, e chiunque mi faccia richiesta avrà un account che gli permetterà di scrivere nuovi messaggi.

La pubblicazione delle buonenorme avverrà in duplice forma: da un lato rimarrà aperto il blog, dall’altro sarà possibile includere nelle proprie pagine una frase presa a caso dal database.

Se avete una pagina scritta in php, quindi, vi basterà includere questo testo dove volete che appaia la frase (che cambierà ad ogni reload):

Mentre per quanto riguarda la formattazione, avete a disposizione due classi css che potete modellare a vostro piacimento. Io, ad esempio, ho aggiunto questo codice al mio foglio di stile css:

/* Buonanorma */

.bn {
color: #728d49;
padding 5px;
border: #ffffff dotted 2px;

}

.bn_title {
font-weight: bold;
}
/* End Buonanorma */

Già due pagine includono le frasi:
http://www.viviforli.it
/forli

Mi piacerebbe sia ricevere i vostri contributi al database delle frasi, sia sapere che queste verranno inserite in altre pagine ancora.

]]>
Alessandro Ronchi Lo spam nei commenti e le blacklist /blog?p=444 2004-11-11T23:21:00Z 2004-11-11T23:21:00Z Informatica Le spam words sono liste di parole usate dagli spammers di frequente, che permettono con buona approssimazione di filtrare nei blog i commenti che sono spam dai commenti reali. Nel mio wiki ho creato una pagina per raccogliere queste parole, dove chiunque può contribuire a creare una lista che sia sempre aggiornata ed utilizzabile per arginare il fenomeno dello spam dei commenti, che è un fenomeno in forte crescita. Le spam words sono liste di parole usate dagli spammers di frequente, che permettono con buona approssimazione di filtrare nei blog i commenti che sono spam dai commenti reali.

Nel mio wiki ho creato una pagina per raccogliere queste parole, dove chiunque può contribuire a creare una lista che sia sempre aggiornata ed utilizzabile per arginare il fenomeno dello spam dei commenti, che è un fenomeno in forte crescita.

]]>
Alessandro Ronchi Firefox 1.0 /blog?p=443 2004-11-10T09:03:02Z 2004-11-10T09:00:40Z Software Libero Informatica Ad un giorno dall’uscita di questa storica versione del programma per la navigazione su web che ritengo il migliore che esista, scrivo due righe di commento per spiegarvi perché sul web c’è tanto rumore e fermento a riguardo. Internet Explorer, qualche anno fa, ha vinto la battaglia dei browser grazie ad una diffusione abbinata al sistema operativo Windows. Netscape perse questa battaglia sul campo dell’innovazione, non riuscendo a colmare con la qualità ciò che una posizione di vantaggio stava portando al concorrente. Non più tardi dell’anno scorso, esistevano browser alternativi ad Internet Explorer, ma erano usati complessivamente da una percentuale irrisoria di persone al mondo. Mozilla Firefox, entra in gioco a questo punto, partendo con l’obiettivo di superare in velocità e solidità tutti i concorrenti, Mozilla Browser incluso. Ieri è uscita la versione 1.0, che in gergo informatico stabilisce una pietra miliare che segna il passo dello sviluppo: questa versione ci dice che il prodotto è stabile e pronto per la massa. A dire il vero, pare che la massa abbia già iniziato da tempo ad utilizzare Firefox, come ci indicano i dati sulla diffusione dei vari browser. Questo è un punto fondamentale, non solo per il mondo del software libero, ma per l’informatica tutta. Se un prodotto di qualità recupera da una posizione di monopolio, allora altri possono farlo settori diversi. Il browser, nell’anno 2004, non è solo un programma, ma il programma con il quale l’utente si affaccia al web, ed utilizza sempre più applicativi che si stanno spostando dal desktop alla rete (vedi, come esempio, gmail). Se permettiamo che una sola azienda abbia in mano la possibilità di privilegiare fonti di informazioni e di dati, grazie all’uso del suo browser, come sta facendo ora Microsoft, permettiamo di fatto di rubarci alcune libertà che già oggi sono fondamentali. Sarebbe come, di fatto, se esistesse solo una ditta fornitrice di informazioni pubblicitarie, cosa che ovviamente sposterebbe pesantemente la bilancia del libero mercato. Detto questo, vi consiglio di provare questo nuovo gioiellino: pare ancora più veloce del precedente, rispetta gli standard della programmazione web e vi permette di personalizzare ed adattare alle vostre esigenze l’esperienza della navigazione tramite le estensioni. Mozilla Firefox 1.0

Ad un giorno dall’uscita di questa storica versione del programma per la navigazione su web che ritengo il migliore che esista, scrivo due righe di commento per spiegarvi perché sul web c’è tanto rumore e fermento a riguardo.

Internet Explorer, qualche anno fa, ha vinto la battaglia dei browser grazie ad una diffusione abbinata al sistema operativo Windows. Netscape perse questa battaglia sul campo dell’innovazione, non riuscendo a colmare con la qualità ciò che una posizione di vantaggio stava portando al concorrente.

Non più tardi dell’anno scorso, esistevano browser alternativi ad Internet Explorer, ma erano usati complessivamente da una percentuale irrisoria di persone al mondo.

Mozilla Firefox, entra in gioco a questo punto, partendo con l’obiettivo di superare in velocità e solidità tutti i concorrenti, Mozilla Browser incluso.

Ieri è uscita la versione 1.0, che in gergo informatico stabilisce una pietra miliare che segna il passo dello sviluppo: questa versione ci dice che il prodotto è stabile e pronto per la massa.

A dire il vero, pare che la massa abbia già iniziato da tempo ad utilizzare Firefox, come ci indicano i dati sulla diffusione dei vari browser.

Questo è un punto fondamentale, non solo per il mondo del software libero, ma per l’informatica tutta. Se un prodotto di qualità recupera da una posizione di monopolio, allora altri possono farlo settori diversi.

Il browser, nell’anno 2004, non è solo un programma, ma il programma con il quale l’utente si affaccia al web, ed utilizza sempre più applicativi che si stanno spostando dal desktop alla rete (vedi, come esempio, gmail).

Se permettiamo che una sola azienda abbia in mano la possibilità di privilegiare fonti di informazioni e di dati, grazie all’uso del suo browser, come sta facendo ora Microsoft, permettiamo di fatto di rubarci alcune libertà che già oggi sono fondamentali.

Sarebbe come, di fatto, se esistesse solo una ditta fornitrice di informazioni pubblicitarie, cosa che ovviamente sposterebbe pesantemente la bilancia del libero mercato.

Detto questo, vi consiglio di provare questo nuovo gioiellino: pare ancora più veloce del precedente, rispetta gli standard della programmazione web e vi permette di personalizzare ed adattare alle vostre esigenze l’esperienza della navigazione tramite le estensioni.

]]>
Alessandro Ronchi Chi pubblica sul web è minacciato dal Decreto Urbani /blog?p=442 2004-11-09T22:36:35Z 2004-11-09T22:13:10Z Informatica Cultura Come forse già saprete, esiste una “nuova” minaccia per la cultura, rappresentata dall’obbligo di deposito dei contenuti dei siti internet nelle biblioteche di Roma e Firenze. Tra i numerosi articoli a riguardo, vi segnalo questo: http://www.itnews.it/news/2004,590,hp,1108,,,095530.html La legge in questione è la 106 del 2004, quella che sancisce l’obbligo per chi gestisce siti web, con informazioni a disposizione del pubblico, di inviarne copia presso le biblioteche nazionali di Firenze e di Roma. Pubblicata il 27 aprile scorso sulla Gazzetta Ufficiale e denominata “Norme relative al deposito legale dei documenti di interesse culturale destinati all’uso pubblico”, sarebbe già in vigore da qualche giorno (ossia dal 27 ottobre, 6 mesi dopo la sua pubblicazione). Se decidete di farlo, vi consiglio di spedire alle due biblioteche i dati pubblicati dai vostri “siti web con informazioni a disposizione del pubblico", in comodi floppy da 5 pollici. Come forse già saprete, esiste una “nuova” minaccia per la cultura, rappresentata dall’obbligo di deposito dei contenuti dei siti internet nelle biblioteche di Roma e Firenze.

Tra i numerosi articoli a riguardo, vi segnalo questo:
http://www.itnews.it/news/2004,590,hp,1108,,,095530.html

La legge in questione è la 106 del 2004, quella che sancisce l’obbligo per chi gestisce siti web, con informazioni a disposizione del pubblico, di inviarne copia presso le biblioteche nazionali di Firenze e di Roma. Pubblicata il 27 aprile scorso sulla Gazzetta Ufficiale e denominata “Norme relative al deposito legale dei documenti di interesse culturale destinati all’uso pubblico”, sarebbe già in vigore da qualche giorno (ossia dal 27 ottobre, 6 mesi dopo la sua pubblicazione).

Se decidete di farlo, vi consiglio di spedire alle due biblioteche i dati pubblicati dai vostri “siti web con informazioni a disposizione del pubblico", in comodi floppy da 5 pollici.

]]>
Alessandro Ronchi W2 /blog?p=440 2004-11-03T22:22:24Z 2004-11-03T22:22:24Z Politica Gli Americani hanno deciso: Dubleiu Bush avrà un seguito. Vi invito a leggere questo commento di Pfaal: Andrà per le lunghe - anzi no. Gli Americani hanno deciso: Dubleiu Bush avrà un seguito.

Vi invito a leggere questo commento di Pfaal: Andrà per le lunghe - anzi no.

]]>
Alessandro Ronchi Elezioni USA: dubbi e certezze /blog?p=439 2004-11-03T00:47:17Z 2004-11-03T00:47:17Z Politica In questo momento la situazione delle elezioni statunitensi non è affatto chiara. L’unica certezza che queste prime ore di sondaggi ed exit polls mi hanno dato è che nessun giornalista in tv sia in grado di leggere i dati che arrivano in redazione. I diversi sondaggi vengono valutati senza prendere in considerazione le modalità con le quali vengono prodotti, mentre assieme all’analisi attenta del campione dovrebbero essere il primo passo verso una maggiore chiarezza e comprensione delle informazioni. Accade così che quasi tutte le trasmissioni terrestri e satellitari italiani dicano che Bush in questo momento abbia il 54% dei voti popolari e Kerry solo il 44%, senza specificare che il dato riguarda gli exit poll dei i primi 4 stati, 3 dei quali da sempre repubblicani. Vi invito, se siete in diretta, a leggere i dati direttamente dalle fonti o da chi le riporta in maniera trasparente: Speciale Elezioni New York Times Speciale Elezioni UsaToday Credo, a questo punto, sia saggio aspettare la mattina, o almeno i dati certi di Ohio e Florida, per poter fare i primi commenti. In questo momento la situazione delle elezioni statunitensi non è affatto chiara.
L’unica certezza che queste prime ore di sondaggi ed exit polls mi hanno dato è che nessun giornalista in tv sia in grado di leggere i dati che arrivano in redazione.

I diversi sondaggi vengono valutati senza prendere in considerazione le modalità con le quali vengono prodotti, mentre assieme all’analisi attenta del campione dovrebbero essere il primo passo verso una maggiore chiarezza e comprensione delle informazioni.

Accade così che quasi tutte le trasmissioni terrestri e satellitari italiani dicano che Bush in questo momento abbia il 54% dei voti popolari e Kerry solo il 44%, senza specificare che il dato riguarda gli exit poll dei i primi 4 stati, 3 dei quali da sempre repubblicani.

Vi invito, se siete in diretta, a leggere i dati direttamente dalle fonti o da chi le riporta in maniera trasparente:
Speciale Elezioni New York Times
Speciale Elezioni UsaToday

Credo, a questo punto, sia saggio aspettare la mattina, o almeno i dati certi di Ohio e Florida, per poter fare i primi commenti.

]]>
Alessandro Ronchi ANSA.it - BT lancia telefonino con wi fi /blog?p=438 2004-11-01T17:56:43Z 2004-11-01T17:56:43Z General ANSA.it - BT lancia telefonino con wi fi Finalmente un primo esperimento per utilizzare il wi-fi come rete per la telefonia mobile. In pratica questi cellulari darebbero la possibilità di usufruire di tariffe molto ridotte in presenza di punti di accesso wireless ad internet. L’idea è buona, vediamo se riescono a portarla avanti con successo. ANSA.it - BT lancia telefonino con wi fi

Finalmente un primo esperimento per utilizzare il wi-fi come rete per la telefonia mobile. In pratica questi cellulari darebbero la possibilità di usufruire di tariffe molto ridotte in presenza di punti di accesso wireless ad internet. L’idea è buona, vediamo se riescono a portarla avanti con successo.

]]>
Alessandro Ronchi Tu votà l’americano /blog?p=437 2004-10-31T19:33:01Z 2004-10-31T19:33:01Z Politica Tra due giorni ci saranno le elezioni presidenziali americane. Aspettiamo tutti, con ansia, i risultati. Guardare i filmati dei tour dei due candidati non è molto esaltante, così alcuni cittadini hanno organizzato delle elezioni in una frazione del paese toscano che si chiama “La California". http://www.forpresident.it/ Bandiera italo-americana
Tra due giorni ci saranno le elezioni presidenziali americane. Aspettiamo tutti, con ansia, i risultati.
Guardare i filmati dei tour dei due candidati non è molto esaltante, così alcuni cittadini hanno organizzato delle elezioni in una frazione del paese toscano che si chiama “La California".
http://www.forpresident.it/

]]>
Alessandro Ronchi Dieci anni di vita /blog?p=436 2004-10-25T14:09:18Z 2004-10-25T14:09:18Z Cultura Società Vita, l’unico settimanale europeo esclusivamente dedicato al volontariato e al non profit, compie 10 anni dalla sua prima pubblicazione. L’augurio che possiamo fare è che continui con l’ottimo lavoro che ha fatto finora! Vita, l’unico settimanale europeo esclusivamente dedicato al volontariato e al non profit, compie 10 anni dalla sua prima pubblicazione.

L’augurio che possiamo fare è che continui con l’ottimo lavoro che ha fatto finora!

]]>